Un caldo benevenuto a tutti!

L’articolo che seguirà è il primo di una lunga serie di approfondimenti che vogliamo mettere a disposizione di chi ci segue per meglio comprendere su cosa si basa il nostro lavoro.
In questo e nei prossimi post cercheremo di entrare nei particolare del mondo della Naturopatia, cercando di farvi capire i principi su cui si basa e le tecniche che vengono utilizzate in fase di anamnesi e di trattamento.

Buona lettura e di nuovo benvenuti in Wellness Trainer Studio.

I princìpi alla base della Naturopatia
La Naturopatia si basa sulle seguenti teorie filosofiche: CAUSALISMO, VITALISMO, NATURSIMO E OLISMO.

CAUSALISMO

la Naturopatia fa propria la teoria di Aristotele, secondo la quale esistono cause diverse per uno stesso fenomeno; il sintomo non è che una conseguenza, mentre le cause del problema possono derivare da fattori emotivi (sentimenti), fisici (stanchezza, inquinamento) o biologici (soprattutto alimentari).
Determinante nello svolgersi di un evento è il ruolo attivo della persona: in questo senso la salute è il risultato dell’insieme di comportamenti tra loro interconnessi dei quali l’individuo deve assumere consapevolezza, affinchè si svolgano secondo le leggi che governano la natura.
Questa visione rientra nell’aspetto preventivo auspicato dalla Naturopatia, secondo il quale la maggior parte delle malattie sono da considerare potenzialmente passibili di prevenzione.

VITALISMO

Secondo il Vitalismo, il corpo umano, come ogni creatura vivente, possiede oltre alla struttura fisico-chimica anche un’Energia Vitale che lo anima.
Ciascun individuo reagisce con le proprie forze secondo criteri per cui, a parità di circostanze, tale forza orienta ogni soggetto verso al reazione più favorevole al mantenimento dell’organismo. Perché la forza possa agire e attivare l’auto-guarigione è indispensabile che si trovi in un terreno sano e pulito, in un ambiente favorevole ed equilibrato.
Esiste infatti un principio vitale che governa tutte le funzioni e tutti i fenomeni osservabili in un organismo vivente.
Questa forza vitale è dotata di intelligenza e, a fronte di una data situazione, reagisce sempre al meglio, nell’interesse del soggetto: a lei è dovuta l’autoguarigione, la cicatrizzazione di piaghe, di ferite, ecc…

La Naturopatia considera come proprio dovere attivare ed accrescere questa forza di guarigione: la Vis Medicatrix in modo che sia più rapida possibile nel suo compito di orientare il soggetto verso la reazione più favorevole al suo organismo in funzione del suo stato.
Se nell’organismo c’è un ambiente equilibrato, un terreno sano, tale forza si manifesterà pienamente.

NATURISMO

E’ l’insieme delle filosofie che identificano nella natura l’unico e fondamentale riferimento.
La natura è al di sopra di tutto, madre e maestra, colei che risana e guarisce.
L’uomo e la natura sono indissolubilmente interagenti.

OLISMO

Il termine “olos” deriva dal greco e significa “tutto come intero, come unità” diversamente da “pan” che significa “tutto come molteplicità, insieme di parti”.
La medicina olistica ha una visione dell’uomo come essere intero, unico, non frazionabile in parti, microcosmo all’interno di un macrocosmo, la natura di cui fa parte.
L’olismo dunque è un principio, o una legge naturale, che presiede alla creazione di totalità, entità sempre più complesse e nuove rispetto alle precedenti; la natura tende a produrre degli interi con qualità non prevedibili dalle caratteristiche delle sue singoli parti.
Il cosmo è costituito dagli stessi atomi, sia che si tratti di una galassia o del sangue umano.
Ogni oggetto va collocato all’interno del suo campo.
Comprendere un oggetto è inserirlo nel suo campo per cogliere le correlazioni che intercorrono.
L’olismo consente di superare tutte le separazioni; la realtà, il vero intero è la persona umana.
Il nostro non è un universo compiuto, la perfezione, la massima unità, non è di questo mondo, ma qui si svolge un processo di evoluzione, un cammino, è un processo dinamico, l’universo è un infante in continua crescita.

Seconda parte